L’Infanzia rubata… i bambini di Birkenau

Auschwitz 70 anni fa, il dramma del piccolo Sergio: a 7 anni diventò cavia umana dei nazisti "Chi vuole rivedere la sua mamma faccia un passo avanti". Questo il crudele tranello che segnò il destino di 19 bambini: utilizzati per le sperimentazioni dei medici nazisti, furono uccisi pochi giorni prima della resa della Germania.

 Il piccolo Sergio aveva 7 anni quando diventò una cavia umana, uno dei tanti bambini che i nazisti nei lager usavano per le sperimentazioni mediche. La drammatica storia è raccontata da La Stampa. "Chi di voi vuole incontrare la mamma? Chi desidera tornare con lei immediatamente faccia un passo avanti". Questo crudele tranello segnò il destino di 19 bambini nel campo di Auschwitz-Birkenau. Tra i piccoli che salgono nel treno con la promessa di rivedere la mamma c'è anche Sergio, 7 anni, nato a Napoli nel 1937. A pochi giorni dalla resa delle Germania nazista questi bambini vengono uccisi nella cantina di una scuola a Bullenhuser Damm, nei pressi di Amburgo per nascondere gli orrori, le sperimentazioni compiute dai medici sui loro corpi. Uccisi e appesi al muro con dei ganci.

Prima di salire Sergio saluta le cugine, Andra e Tatiana, che al tempo avevano 4 e 6 anni e restarono ad Auschwitz fino alla loro liberazione, tra i pochi bambini a sopravvivere a quell'orrore. A salvarle una blockova, la loro "guardiana", di cui non ricordano nulla solo la sua raccomandazione, "Disse che sarebbero venuti degli uomini che ci avrebbero radunato chiedendoci di fare un passo se avessimo avuto voglia di vedere la nostra mamma e guardandoci negli occhi aggiunge: Voi dovete rimanere ferme al vostro posto". Raccontarono al cugino Sergio la conversazione ma lui quel passo lo fece e non tornò mai più.  "Mi sento in colpa perchè non siamo riuscite a impedirlo" racconta Andra. "è come un macigno che ci pesa dentro".

Andra e Tatiana a Rainews hanno raccontato cosa ha significato vivere in un campo di concentramento. "Significa diventare duri, diventare grandi prima del tempo, non emozionarsi più". Un'infanzia rubata quella delle due sorelle originarie di Fiume, "Ci sono poche cose che ti possono emozionare, ad esempio il fatto che la mamma fosse partita, che non la vedessimo più, non ci ha turbato più di tanto.

 

                                                                                                 [ fonte RaiNews/articoli/Auschwitz – pubblicato da Administrator ]

ULTIMI ARTICOI BLOG GL

70° Anno dalla fondazione del Circolo

70° Anno dalla fondazione del Circolo "Giustizia e Libertà" di Roma

In: BLOG GL

Si invitano i Soci e i simpatizzanti a partecipare Il giorno 18 febbraio 2018, in Via Andrea Doria, 79 (Roma), alle celebrazioni che si svolgeranno per i 70 anni dalla…

leggi...

Commemorazione di Massimo Gizzio

Commemorazione di Massimo Gizzio

In: BLOG GL

1° febbraio 2018 - ore 10.00 in Piazza della Libertà – angolo con Via Valadier in ricordo di Massimo Gizzio ucciso dai fascisti a 18 anni il 1° febbraio 1944…

leggi...

Bilancio di fine anno...

Bilancio di fine anno...

In: BLOG GL

Carissimi amici, soci, compagni e simpatizzanti, un altro anno sta per concludersi e la situazione politica si è fatta sempre più confusa e complicata. Il disagio sociale è in crescita…

leggi...

Libero Battistelli repubblicano di G.L.

Libero Battistelli repubblicano di G.L.

In: BLOG GL

 articolo pubblicato il 23-11-2017 sul quotidiano AVANTI-online Fra i principali esponenti del movimento, a 80 anni dalla morte nella guerra di Spagna, è giusto ricordare il bolognese Luigi “Libero” Battistelli.…

leggi...

Errico Malatesta ... l'85°

Errico Malatesta ... l'85°

In: BLOG GL

Il CIRCOLO “GIUSTIZIA E LIBERTA’ “ di Roma e P.R.C. - SINISTRA EUROPEA in un momento di cooperazione, commemorano nell’85° della scomparsa ERRICO MALATESTA La celebrazione si terrà il 22…

leggi...

Il ricordo di Giuseppe Tamburrano

Il ricordo di Giuseppe Tamburrano

In: BLOG GL

Ci ha lasciato Giuseppe Tamburrano, storico, giornalista e autentico socialista. È stato consigliere di Pietro Nenni durante i governi di centro-sinistra. Mauro Del Bue e la Fondazione Nenni che lui…

leggi...

Presentazione del libro

Presentazione del libro "“Il segnale dell’elefante - Storia della mancata insurrezione del Partito d’Azione a Roma”

In: BLOG GL

Il Circolo "Giustizia e Libertà" di Roma, nell’ambito di un programma di incontri culturali, Vi invita a partecipare alla presentazione del libro “Il segnale dell’elefante - Storia della mancata insurrezione…

leggi...

CALENDARIO EVENTI GL

CALENDARIO EVENTI GIUSTIZIA E LIBERTA'

Febbraio 2018
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28

ID falsi - le libertà vengono in diverse forme e sapori

Per i bambini universitari americani, i falsi ID sono un vero passaggio per la libertà, la libertà di scegliere le attività sociali per impegnarsi, bere o partecipare a festival musicali. I migliori ID falsi https://kingoffakes.com/sitemap.html che scansione sono quelli che dispongono di tutte le funzioni di sicurezza replicate con cura e mestiere. A tal fine vengono utilizzati impianti industriali situati nei paesi in via di sviluppo. Quindi, non solo questo sito web aziendale Fake IDs aiuta i giovani americani a godersi la vita, ma crea anche posti di lavoro locali nei paesi poveri che li necessitano. Fake IDs http://bit.ly/2yJOxNI è un'impresa veramente globale che aiuta le persone di tutto il mondo!