24 Marzo 1943 - 24 Marzo 2021... Storia di un eccidio

                                                               

 

                 

                                           

 

 

   Fosse Ardeatine, da 77 anni i morti parlano

                

di  SALVATORE RONDELLO                                              (pubblicato sul numero dell’Avanti del 24 marzo 2021)

 L’Eccidio del 24 marzo del 1944, per la sua efferatezza e l’alto numero di vittime divenne subito, per il Nostro Paese, il martirio-simbolo della spietatezza dell’occupazione nazista a Roma e del prezzo pagato dalla lotta partigiana.
Furono 335 uomini, nati in tutte le regioni d’Italia, di età compresa tra i 15 e i 74 anni, trucidati dalle truppe tedesche di occupazione nel pomeriggio del 24 Marzo dell’anno 1944. Il luogo prescelto per il massacro fu individuato nelle antiche cave di pozzolana nei pressi della via Ardeatina a Roma.
L’eccidio delle Fosse Ardeatine fu e rimane una delle pagine più buie della storia d’Italia e dell’intero secondo conflitto mondiale
La rappresaglia era stata ordinata dagli alti vertici tedeschi in risposta all’attentato dinamitardo di via Rasella avvenuto alle 15.50 del 23 Marzo 1944 per iniziativa dei partigiani dei Gruppi romani di Azione Patriottica (GAP). Nell’azione morirono 33 soldati del Polizeiregiment “Bozen” di ritorno alla loro caserma e due cittadini italiani. Per molti anni il “Bozen” è stato ritenuto erroneamente un reparto operativo delle SS formato da volontari. In realtà si trattava di una forza di riservisti e di coscritti altoatesini impiegata in compiti di gendarmeria.
L’unità non eccelleva né per l’addestramento né per lo spirito combattivo degli uomini, molti dei quali erano in età piuttosto avanzata. Evidentemente furono queste le ragioni per cui il “Bozen” fu esentato dal partecipare alla rappresaglia.
Sottoposta pro forma alla sovranità della Repubblica Sociale Italiana, Roma, pur mantenendo lo status di “città aperta” in seguito all’armistizio di Cassibile, era di fatto sotto il giogo dei comandi germanici. E furono proprio questi, dopo frenetiche discussioni, a decidere l’attuazione della terribile rappresaglia.
Il generale Kurt Mälzer, comandante militare della piazza di Roma, intendeva radere al suolo l’intero quartiere intorno a via Rasella, uccidendone tutti gli abitanti. La sua ira fu calmata a stento dal colonnello delle SS Eugen Dollmann e da Eitel Friedric Moellhausen, console generale del Reich. Il generale August von Mackensen, comandante della testa di ponte di Anzio e diretto superiore di Mälzer, raccolse l’ordine diretto, (per fortuna mai reso ufficiale), di Hitler di fucilare 50 italiani e deportarne 1000 per ogni tedesco ucciso.
Il militare ritenne esagerata la proporzione e ne parlò con il feldmaresciallo Albert Kesselring, comandante supremo delle forze d’occupazione in Italia. Fu deliberato, dopo consultazione telefonica con il generale Alfred Jodl di procedere con la fucilazione di 10 italiani per ogni soldato tedesco caduto nell’attentato.
Le vittime della rappresaglia sarebbero state scelte tra i prigionieri già condannati a morte o all’ergastolo, con l’esclusione delle donne. Il capo della Gestapo di Roma, Herbert Kappler  fu incaricato del rastrellamento di ben  330  Todeskandidaten (persone da eliminare). Questi era un ufficiale delle SS che nell’Urbe si era già macchiato delle peggiori azioni persecutorie.
Fu lui ad arrestare la principessa Mafalda di Savoia, morta in prigionia nell’agosto del 1944. Kappler si adoperò con certosino impegno nella ricerca dei morituri, svuotando le carceri romane e ottenendo il permesso di includere nell’elenco tutti gli ebrei in attesa di essere deportati nei campi di concentramento.
Nel compilare le liste si avvalse dell’operato di Pietro Caruso, questore di Roma. Furono scelti tra i detenuti in via Tasso, a Regina Coeli ed in altri luoghi come la Pensione d’Oltremare.
Le fucilazioni iniziarono alle 15.30 del 24 Marzo. I prigionieri vennero condotti in gruppi di cinque all’interno delle cave scelte per l’eccidio, ubicate tra le catacombe di san Callisto e quelle di santa Domitilla. In un labirinto di gallerie, alla luce delle torce elettriche, la carneficina andò avanti per tutta la notte.
Si formarono pile di corpi. Diversi ufficiali e soldati tedeschi, sconvolti, furono allontanati a forza dal luogo. A spuntare la lista dei condannati c’era il sottufficiale Erich Priebke. Egli si accorse della presenza di cinque ostaggi in più rispetto al numero che andava sacrificato. Furono eliminati anche questi, quali testimoni diretti dell’eccidio. Al termine della procedura, i soldati del genio fecero esplodere gli ingressi delle gallerie.
Finita la guerra, nel luogo del massacro fu realizzato il sacrario: “Questo tempio del sacrificio promosso dall’Anfim, realizzato e inaugurato il 24 marzo 1949 da Umberto Tupini, ministro dei LL.PP. E’ sacrario dei martiri ardeatini, mausoleo nazionale di tutti i caduti nella lotta di liberazione per dare libertà e indipendenza alla Patria”. Un gruppo scultoreo giganteggia all’interno del Mausoleo delle Fosse Ardeatine a ricordare per sempre il sacrificio dei 335 martiri della furia nazista. Questi uomini, vittime innocenti di un nemico crudele e senza pietà, hanno scritto, loro malgrado, una pagina di Storia indelebile nella memoria italiana.
Per quanto riguarda gli esecutori della strage delle Fosse Ardeatine, vale la pena ricordare la sorte di alcuni di loro. Herbert Kappler fu condannato all’ergastolo dalle autorità italiane. Nel 1977 evase con l’aiuto della moglie dall’ospedale militare del Celio dove era stato ricoverato per l’insorgenza di un tumore inguaribile. Morì in Germania un anno dopo.
Il capitano delle SS Erich Priebke dopo una lunga latitanza in Argentina, venne estradato in Italia nel 1995. Condannato all’ergastolo, morì a Roma nel 2013 mentre era agli arresti domiciliari.
Albert Kesselring fu condannato a morte dalla Corte militare britannica nel 1947 per crimini di guerra e per aver ordinato, da massima autorità tedesca in Italia, l’eccidio delle Fosse Ardeatine. La sentenza fu tuttavia commutata nel carcere a vita. Infine nel 1952 l’ex feldmaresciallo fu libero di tornare in Germania. Morì nel 1960 di attacco cardiaco non prima di dichiarare di aver agito sempre da soldato, non rimproverandosi nulla. Aggiunse inoltre che gli italiani avrebbero dovuto dedicargli un monumento per il suo impegno nella salvaguardia, in tempo di guerra, delle città d’arte.
Facendo crollare con il brillare delle mine le volte delle caverne di pozzolana sui resti dei trucidati, le S. S. cedettero di aver riempito per sempre la loro bocca di terra affinché non parlassero. Dai loro Sacelli nella vasta Tomba delle Ardeatine quei Morti gloriosi Vi parlano. Si rivolgono a Voi, che Vi incamminate per il sentiero della vita, non già per rinnovare odi e divisioni ma per ricordarVi che Essi morirono per l’Italia, per un’Italia per sempre libera da dittature, violenza e guerre.
Nel buio dell’antro, illuminato dal bagliore di torcie sinistre, perirono cattolici ed ebrei, credenti ed atei, massoni e preti, carabinieri e comunisti, democristiani e liberali, repubblicani e monarchici, socialisti e azionisti, ufficiali e soldati d’ogni arma, vecchi e ragazzi, espressioni dei più diversi ceti sociali. In quell’inferno si levò benedicente la mano d’un sacerdote condannato a morte per gli altri. Questo dicono i Morti delle Ardeatine: in quell’attimo orrendo noi conoscemmo una indistruttibile unità resa sacra dalla maestà della morte.
Ma dicono anche che se non ci fosse stato l’attentato gappista a via Rasella, non ci sarebbe stato nemmeno l’eccidio delle Fosse Ardeatine.
Quei morti chiedono ancora una giustizia che non c’è stata, ma turbano ancora le coscienze di chi ha nascosto verità. Senza quella tragedia, la libertà si sarebbe conquistata lo stesso.
Quest’anno, come l’anno scorso, per le misure di lotta alla pandemia da Covid-19, non mi sarà possibile partecipare come ho fatto negli altri anni assieme ai rappresentanti di tutte le Associazioni Partigiane ed alle più alte cariche dello Stato. Seguirò la commemorazione da casa attraverso le trasmissioni televisive, mentre su Facebook, oggi alle 12:15, sul sito dell’Anfim, Marco Trasciani, Valeria Fusco e Giorgia pronipote del martire Gastone de Nicolò faranno il consueto appello delle vittime dell’eccidio.

                                  Salvatore Rondello

                              [ Presidente del Circolo “Giustizia e Libertà” di Roma ]                                       [pubblicato da Administrator]

 

ULTIMI ARTICOI BLOG GL

I campi di Tullio, la storia di un internato militare italiano

I campi di Tullio, la storia di un internato militare italiano

In: BLOG GL

Il libro I campi di Tullio. La storia di un Internato Militare Italiano, pubblicato nel 2020 da Edizioni Era Nuova, Perugia, e dal Circolo culturale Primomaggio di Bastia Umbra (PG),…

leggi...

Verso il 25 Aprile, la Festa della Liberazione

Verso il 25 Aprile, la Festa della Liberazione

In: BLOG GL

Su l’Avanti! del 25 aprile 1945, edizione di Milano, in prima pagina si legge: “MILANO E’ INSORTA” – il Comitato di Liberazione Nazionale assume i poteri – Mussolini e Graziani…

leggi...

Ricordo di Luigi Covatta

Ricordo di Luigi Covatta

In: BLOG GL

E' una perdita che lascia davvero addolorati, quella di Luigi Covatta. Di lui non si puo' non ricordare immediatamente il rigore culturale e la coerenza con i valori della militanza,…

leggi...

24 Marzo 1943 - 24 Marzo 2021... Storia di un eccidio

24 Marzo 1943 - 24 Marzo 2021... Storia di un eccidio

In: BLOG GL

Fosse Ardeatine, da 77 anni i morti parlano di SALVATORE RONDELLO (pubblicato sul numero dell’Avanti del 24 marzo 2021) L’Eccidio del 24 marzo del 1944, per la sua efferatezza e…

leggi...

l’8 Marzo... ovvero La Resistenza dimenticata delle Donne

l’8 Marzo... ovvero La Resistenza dimenticata delle Donne

In: BLOG GL

Analizzando gli eventi umani si ha la forte sensazione confermata, poi, dalla realtà che la nostra società sia unicamente costituita e costruita sull’elemento maschile all’interno del quale, molto defilato, ma…

leggi...

UNA RIFLESSIONE SUL “GIORNO DELLA MEMORIA”

UNA RIFLESSIONE SUL “GIORNO DELLA MEMORIA”

In: BLOG GL

UNA RIFLESSIONE SUL “GIORNO DELLA MEMORIA” Il “Giorno della Memoria”, che ricorre il 27 gennaio (giorno in cui è stato liberato nel 1945 dai soldati sovietici il Campo di sterminio…

leggi...

CALENDARIO EVENTI GL

CALENDARIO EVENTI GIUSTIZIA E LIBERTA'

Giugno 2021
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

ID falsi - le libertà vengono in diverse forme e sapori

Per i bambini universitari americani, i falsi ID sono un vero passaggio per la libertà, la libertà di scegliere le attività sociali per impegnarsi, bere o partecipare a festival musicali. I migliori ID falsi https://kingoffakes.com/sitemap.html che scansione sono quelli che dispongono di tutte le funzioni di sicurezza replicate con cura e mestiere. A tal fine vengono utilizzati impianti industriali situati nei paesi in via di sviluppo. Quindi, non solo questo sito web aziendale Fake IDs aiuta i giovani americani a godersi la vita, ma crea anche posti di lavoro locali nei paesi poveri che li necessitano. Fake IDs http://bit.ly/2yJOxNI è un'impresa veramente globale che aiuta le persone di tutto il mondo!